Cenni sulla storia di Cracovia

Cenni sulla storia di Cracovia

"Quando vuoi sapere, cosa nasconde
Il nostro passato nel nostro grembo,
Mentre la vecchia fama brucia:
Poi mangia, fratello, a Cracovia!"

(W. Pol)

“Fin dagli albori della sua storia, Cracovia ha sempre avuto il fascino accattivante della grandezza, che è la sola Polonia, il fulcro dell'inesauribile tradizione polacca, preferiscono persistere e perseverare. La mano della storia ha inciso più profondamente sulle pietre di Cracovia, il nome più indistruttibile - Patria.

I castelli della Grande Polonia sono famosi per le loro spade cavalleresche che combattono contro il diluvio germanico, un centro di ribellione contro la violenza, Varsavia è famosa per il suo impareggiabile eroismo, Cracovia, d'altra parte, è il luogo del contenuto spirituale più indigeno dei tesori nazionali”.

(prof. Henryk Mościcki)

Le scoperte archeologiche sulla collina di Wawel confermano l'esistenza dell'uomo già nell'era paleolitica, ok. 200 mille. anni fa. Ulteriori scavi sia nella città che nelle sue vicinanze lo dimostrano, che ai tempi del cosiddetto. Cultura lusaziana, considerato proto-slavo, qui c'era un insediamento piuttosto densamente popolato.

Il più antico passaparola, descritto dal primo storico polacco, Wincenty Kadłubek, all'inizio del XIII secolo. c'è una domanda sul principe tribale di Vistola, Krak e sua figlia Wanda. La storia è stata arricchita con la storia dell'uccisione del drago, perseguitare la popolazione vicino a Wawel. Forse, che la figura del drago è un simbolo di qualche invasore, disattivato dal capo tribù.

L'applicazione è diventata immortale, e sono rimaste le sue tracce visibili: Smocza Jama ai piedi del Wawel, e due curiosi monumenti-tumuli: Krakusa i Wandy, che preferiva scegliere la morte nelle acque della Vistola piuttosto che il matrimonio con un principe ostile.

W r. 966 un membro della legazione del califfo di Cordoba entra alla corte di Ottone I.. Questo Ibrahim figlio di Giacobbe dallo spagnolo Tortosa scrive nel suo rapporto diplomatico, tra cui. nel. e su Cracovia. Nella sua relazione, Cracovia è già un insediamento commerciale con magazzini di merci.

Gli scavi archeologici confermano, che il proto-slavo (Sorabo) Cracovia aveva una popolazione permanente e densamente stanziata. Nel X secolo, Cracovia era popolosa, occupato, in contatto con i vicini in tutte le direzioni geografiche. Gli insediamenti sparsi vagamente intorno a Wawel erano accessori del capo tribale.

Wawel si è diffuso nell'arco di dieci secoli, in sequenza, primo sviluppo testimone, potenza e splendore, poi il crollo dello Stato polacco.

W IX w. il potente stato dei Vistulani, linguisticamente appartenente al gruppo lechico degli slavi occidentali., viene conquistata dallo stato della Grande Moravia, che ha portato all'adozione del cristianesimo da parte dei Vistulani, il rito slavo. In questo modo, il fiume Vistola di ca. 100 anni avanti rispetto ai polani occidentali nell'adozione del cristianesimo.

Lo Stato della Grande Moravia sta crollando (906 r.), I Vistulani si uniscono ai Polani in un unico corpo statale sotto il dominio dei Piast. Questo momento provoca l'acquisizione di? Vistulans di rito latino.

La lotta della Polonia unita nell'XI secolo. con Brzetysław Czeski distruggono Poznań, l'allora capitale e un centro importante - Gniezno, con il w 1000 r. arcivescovado. W r. 1000, durante il regno di Boleslao il Coraggioso, accanto ai vescovati stabiliti a Kołobrzeg e Breslavia, viene istituito il vescovato di Cracovia. La chiesa preromanica del Sig.. w. Vergine Maria (poi tardi. Felix e Adaukta) risulta essere insufficiente per le esigenze di una popolazione in crescita. Dopo un anno 1000 quindi una cattedrale romanica è in costruzione a Wawel, mattone, poi distrutto durante il regno di Kazimierz il Restauratore (1038 r.) dai cechi, guidato dal principe Brzetysław. W XI w. Cracovia assume le funzioni della capitale.

Sul sito della cattedrale distrutta dai cechi, una seconda cattedrale romanica è in costruzione sotto Władysław Herman; Il vescovo Maurus istituisce una biblioteca e redige un inventario della cattedrale.

I benedettini portati da Leodium fondarono un'abbazia a Tyniec vicino a Cracovia, contribuendo al trapianto della cultura occidentale in queste aree.

La seconda metà dell'XI secolo. (1079 r.) è segnato da una drammatica lotta tra Bolesław the Bold e il vescovo di Cracovia, Stanisław Szczepanowski.

La nostra storia è scritta da un cronista, l'alieno Gallo Anonimus.

Il regnante Bolesław Krzywousty divide la Polonia in 1138 r. tra i figli, facendo di Cracovia la sede del principe anziano. Di conseguenza, inizia un periodo di lotte devastanti per Cracovia tra i figli di Krzywousty.

Il geografo arabo Muhammad il-Idrisi w 1154 r. confermato da m. nel. destrezza degli artigiani, i densi edifici della città e la fertilità della Terra di Cracovia.

I governanti cambiano, e l'anzianità viene rovesciata. La Polonia è divisa in principati sovvenzionati, Cracovia e Sandomierz sono uno di loro. Leszek il Bianco, principe di Cracovia (1202—1227) consolida i governi. Cracovia è sotto il dominio dei Piast della Slesia, sforzandosi di unire la Polonia in un unico insieme.

Al momento, ok. 1228 r. Iwo Odrowąż, il vescovo di Cracovia, organizza un centro commerciale e di mercato vicino alla chiesa di S.. Trinità (Anno di fondazione 1223) che è già un tipico comune comunale, con la popolazione polacca.

Nello stesso quarto di secolo, Bp. Wincenty Kadłubek di Cracovia scrive la nostra storia e istituisce uno studio legale, il seme della futura Accademia di Kazimierz.

Crescente sviluppo della cultura, mentale e materiale, viene improvvisamente interrotto da un attacco dei Tartari in 1241 r. Solo a Wawel e nella chiesa difensiva di St.. Andrzej, le persone che si sono rifugiate sono state salvate; il resto della città è stato distrutto.

W r. 1257 il regnante Boleslao il Casto concede alla città un privilegio di posizione. La città è costruita su una pianta rettangolare con angoli arrotondati, con un layout stradale a scacchi, con enorme, piazza (4 lui ha) mercato, parzialmente popolata da artigiani della Slesia importati. Principe, stabilire vogt ereditario, ha dato alla città i diritti commerciali e la propria magistratura, che è stato favorevole al grande sviluppo della città. Concessa autonomia comunale, cioè. il privilegio di stabilire diritti per la popolazione urbana, divenne consiglio comunale indipendente.

Intorno agli anni '80 del XIII secolo. su iniziativa di Leszek Czarny, vengono costruite le prime fortificazioni della città.