Chiesa missionaria

Chiesa missionaria.

Oltre alla chiesa dei Bernardini, il più grande e suggestivo edificio di Stradom si trova a ovest (sinistra) sul lato della strada, la Chiesa tardo barocca dei Missionari di S.. Paolo, costruito tra 1719-1728 di Kacper Bażanka – un eccezionale architetto educato a Roma. La facciata è compressa in una serie di altri edifici, imitando monumentali chiese barocche romane, è un bellissimo esempio dello stile di Cracovia dell'era della Controriforma. La sua struttura e la bellezza architettonica possono attirare la tua attenzione per molto tempo. L'ingresso principale è stato costruito in questo modo, che chi entra provi una sorta di piacere, salendo all'altezza di cinque gradini d'onore e passando tra due maestose colonne.

In un interno a navata unica, piccolo, ma ricco e dignitoso, si ha l'impressione, che qualcosa si muove costantemente da qualche parte. Questa illusione è sicuramente esaltata dagli specchi che giocano un tremolante gioco di riflessi e illuminano vari luoghi della chiesa.. Sono assecondati dal bagliore di innumerevoli cristalli e pendenti dei due lampadari centrali. Al di sopra di questi riflessi di luce, la volta convive con la vita delle figure colorate nei dipinti. Nell'altare maggiore, un quadro piuttosto cupo di S.. Paolo, dipinto dal pittore polacco Tadeusz Kuntze nel XVIII secolo.

Lo sporco edificio arancione adiacente alla chiesa, con un imponente portale, appartiene al Monastero Missionario.

Più o meno davanti al tempio, dove St.. Agnieszka, c'è un cinema a Varsavia, che era il luogo di manifestazioni politiche prima della guerra.