Piazza Matejko

Piazza Matejko.

Stretto, lungo Matejko Square, che si estende tra ul. Basztową a ul. Warszawska, è una bella vetrina del Kleparz di oggi. Molto spazio su di esso, slancio urbano, e la vista delle mura difensive e delle torri di S. Maria è quasi "paesaggistica". È una piazza piuttosto insolita: al centro c'è un prato oblungo con monumenti in piedi, e ci sono due strade normali lungo il prato. Anche se si trova quasi nel cuore di Cracovia, relativamente poco traffico pedonale. Eppure c'è qualcosa da guardare! Da sud il panorama è chiuso dalla forma tonda del Barbacane, da nord, la chiesa barocca di S.. Floriana. Tra di loro, nella facciata occidentale, sono adiacenti l'una all'altra: più vicino a ul. Accademia di Belle Arti di Basztowa – la più antica scuola d'arte in Polonia, integrato 1879 r. sulla piazza donata da Jan Matejko, che, del resto, è stato il primo rettore di questa università, e subito dietro la Direzione distrettuale delle Ferrovie dello Stato – edificio che sfocia nel villaggio di 1889 r. per i più moderni di Cracovia, perché aveva ascensori, approvvigionamento idrico proprio e illuminazione a gas. Il monumento centrale è una fedele ricostruzione del monumento Grunwald demolito dai nazisti. Il prototipo è stato finanziato da Ignacy Paderewski nel 500 ° anniversario della battaglia di Grunwald, cioè in 1910 r. Finché la figura del re Jagiełło seduto su un cavallo, guardando verso il centro storico si riconosce facilmente, le figure seguenti pongono problemi di identificazione. Un robusto contadino in piedi davanti, chi riposa sulla spada, questo è il principe Witold. Sotto di lui, in una posa agonizzante, giace il Gran Maestro dell'Ordine Teutonico – Ulrich von Jungingen. Sulla mano destra di Witold – un guerriero lituano che suona il corno e un prigioniero di guerra teutonico (ha meno capelli del lituano). Witold è andato via – soldati, e nella "stanza sul retro" in una posa dinamica, il contadino polacco rompe il legame (li interrompe già così 85 anni). Di fronte al Monumento di Grunwald è stato eretto il Monumento al Milite Ignoto.

L'oggetto più antico e senza dubbio più prezioso all'interno di Piazza Matejko è la Chiesa di S.. Floriana. Esterno barocco acquisito nel XVII secolo. è il risultato della sesta ricostruzione del tempio, che è stato costruito molto prima del barocco, w 1185 r., per grazia del principe Casimiro il Giusto. La chiesa è il luogo di culto di San Floriano, che durante la sua vita prestò servizio come soldato romano con l'imperatore Diocleziano. Non è senza connessione che questo santo è adorato in un luogo, dove gli incendi scoppiarono molto spesso. Per essere precisi, dovrebbe anche essere menzionato, che il culto di S.. Jan Karny. Il tempio era frequentato dai re polacchi, a od XVI w. Università Jagellonica. Vale anche la pena sapere, che negli anni 1949-1951 Karol Wojtyła era il vicario del tempio di Kleparz, l'attuale papa.

Per essere l'elemento più prezioso dei ricchi, gli arredi prevalentemente barocchi e rococò della chiesa sono considerati l'altare maggiore con un dipinto di S.. Floriana, dipinto in 1686 r. di Jan Trycjusz, pittore di corte Jan III Sobieski. Inoltre, sul muro esterno del presbiterio, ci sono sculture della bottega di Wit Stwosz, e nel tesoro della chiesa c'è un reliquiario gotico d'argento donato al tempio dallo stesso Władysław Jagiełło.